Crea sito
 ESCAPE='HTML'

Oggetto, finalità e scopo
1.      L’associazione PAN (Progetto Amore e Natura) non ha scopo di lucro e persegue unicamente finalità di solidarietà sociale, sostegno delle famiglie, dei giovani, e degli anziani dell’intera società in particolare dei più bisognosi, del loro sviluppo umanistico e rivolta verso una civiltà fondata sulla solidarietà e amore.
2.      La PAN è motivata dall’analisi che il nostro modello di sviluppo sta portando il nostro pianeta terra alla catastrofe. Il nostro modo di mangiare, vivere consumare, anche stare insieme e la nostra economia sta andando allegramente  verso il disastro. I nostri politici, i nostri amministratori del bene comune sono miopi e guardano solo al proprio interesse momentaneo, senza alcuna prospettiva per il futuro. Per tali motivi nasce PAN; cercare una inversione di tendenza. Aiutare soprattutto i giovani, che non hanno un lavoro e non vedono nessuna prospettiva  futura o a breve termine, dando loro la possibilità in seno alla associazione di creare delle attività, azioni, stimoli basate sul verde sulla natura, sull’economia Verde, motivandoli su nuove sfide legate al suo rispetto, a viverla lavorando in piena armonia. Possibilità di riscatto, necessità di guardare all’orizzonte con ottimismo sulle nuove attività, delle nuove opportunità che possono fare, realizzare, addirittura primeggiare e fare rialzare la testa alle future generazioni.
3.      La sua attività è gestire, dei piccoli villaggi, comunità, aggregazione di associati (In seguito denominati pdp ovvero protagonisti del progetto), realizzati, dalla stessa, su terreni agricoli ottenuti in comodato d'uso gratuito, in fitto, o acquistati dalla stessa associazione, dove poter sperimentare nuovi sistemi di vita, un modo di vivere collettivo, dal punto di vista ecologico, sociale, economico, artistico, sostenibile, auto gestibile, che sia sostenibile naturalmente con lo scambio naturale e sereno, di fratellanza, solidarietà, di ogni cosa materiale, spirituale, intellettiva e forza lavoro, di ogni associato. Nel tentativo di tornare ad instaurare l’armonia originaria tra gli uomini e l’ambiente circostante attraverso stili di vita naturali.

 ESCAPE='HTML'

4.      La prima comunità, villaggio verrà realizzata sulla proprietà privata del Signor Stanislao Ricciardi, precisamente sul terreno ubicato nel comune di Caraffa di Catanzaro censito al Catasto dei fabbricati al foglio 16, particella 387 e 388 e al catasto dei terreni al foglio 16, particelle 96, 99, 101, 112, 119, 173, 174 e 386, e per le relazioni esterne il locale ubicato nel comune di Catanzaro censito al Catasto dei fabbricati al foglio 47, particella 222 sub 1, che mette a disposizione, in comodato d'uso gratuito dell’associazione e di tutti i pdl. Questo eco villaggio naturalista prenderà il nome omonimo: "Amore e Natura".
5.      Non si tratta di una associazione incentrato sulla politica, la religione o sulle istituzioni gerarchiche. Non è un attività commerciale di tipo turistico.  Non è quindi un Agriturismo. Non è una pensione, non è un albergo,  ma una comunità, un eco villaggio, che ha l' obiettivo di dare ulteriore spazio alla dimensione spirituale, alla libertà e al senso di responsabilità.
6.      La partecipazione è aperta a tutte le persone che condividono queste idee...l'amore, il rispetto della natura e vivere il villaggio in maniera diretta. Viverlo in pianta stabile o in maniera saltuaria a secondo le proprie esigenze, ma tutti che lavorano concretamente alla sua realizzazione dove nessuno è ospite; ma un protagonista del PAN. Progetto che andrà a realizzarsi pian piano e sempre di più in nuovi aspetti.
7.      Nasce, essenzialmente, dal bisogno di dare la possibilità a tutti di poter staccare la spina...per un periodo...e poter vivere,  lontano da abitudini, volti, stress e ripetitività della vita,  in un ambiente naturale. Dove si ritrova la propria libertà, decidere quello che fare e non fare, scegliere tra i tanti stimoli che PAM offre: culturali, artistici, filosofici, storici, scientifici e di grande interesse.  Decidere se si vuole lavorare per la propria crescita personale con la sperimentazione di filosofie empiriche e non, dei più svariati generi, perché pensiamo che l’unico maestro è quello che esiste sopito dentro ognuno di noi e la via da percorrere  è quella di scoprirlo.

 ESCAPE='HTML'

8.      Il PAN vuole far nascere eco villaggi  in continua crescita, in continua costruzione,  in continua evoluzione, per il recupero di aree del nostro territorio, in accordo e stretta collaborazione con le istituzioni: comuni, province, regioni e stato cosi da creare sviluppo, turismo e economia verde nel rispetto della natura, del territorio e delle istituzioni. Una promozione sociale per il recupero di aree “depresse”, perché diventino centri di vita, di amore, di lavoro per molte persone. Luoghi prescelti per l’insediamento di comunità di vita naturalista, e di incontro sociali e culturale, di sperimentazione e scoperta, di serenità e relax, di vita quotidiana, di volontariato, di lavoro, di vacanza e di benessere, di assaporare, come non mai, il vivere completamente a diretto contatto con la natura; la nostra madre terra.
9.      L’associazione avrà facoltà di creare, in campo nazionale e internazionale, altre realtà simili a questa e cioè altri eco villaggi, comunità, aventi sempre gli stessi principi e ideali, cosi da diffondere nel mondo questa civiltà basata sull’amore, la natura, la solidarietà e fratellanza umana e lo scambio naturale di servizi e cose.
10.    La PAN si propone, con tenacia, di creare vere e sane comunità dove si vive veramente in consapevolezza ogni momento della propria vita, con se stessi, sapendo e sentendo che tutto quello che si fa e si da di se stessi serve veramente a dare serenità e beneficio agli altri e al mondo intero. Nell’eco villaggio non si  è fuori dal mondo, ma partecipando si fa qualcosa per il mondo, di utile, di importante, di storico. Attraverso la rete di internet si partecipa alle vicende del mondo, ci si collega e si dialoga con altri eco villaggi per conoscere, scambiare le esperienze che vanno in questa direzione. Si partecipa a tutti gli eventi del mondo a favore della pace, del futuro del pianeta, della comprensione dei popoli, delle culture e delle religioni.

 

 ESCAPE='HTML'

11.    Essere un modello contro la crisi con scelte economiche che stanno alla base del modello di semplicità. Con il massimo riutilizzo dei beni usati, con lo sfruttamento dell’energia solare per produrre corrente elettrica, con l’acqua proveniente da sorgenti naturali, con riscaldamento alimentato da camini e stufe a legna anche per cucinare. Il tutto immerso nella natura e ecologico: cibo sano e prodotto direttamente sul posto. Con casette in legno, orti naturali coltivati dai residenti, boschi, uliveto, prati e un eco vivere, liberamente nello spazio e nel tempo ritrovando se stessi. Creare una relazione tra il villaggio, comunità e il pdp, tale che, si deve fondare e fondere sul baratto naturale. Una comunità dove non esiste nessun compenso in soldi tra le parti, ma solo lo scambio di ciò che ogni associato può naturalmente dare: il suo lavoro fattivo, la sua cultura, le sue conoscenze, la sua istruzione, la sua arte, le sue esperienze, il suo amore per l'intero creato. Un luogo di una educazione perpetua, di un progresso costante e di giovinezza che non invecchia mai. Dove si rispettano le esigenze di tutti, ma si limitano gli usi dei servizi al criterio di necessità e dove nessuno fa un lavoro da dipendente, né tantomeno una attività commerciale o da lavoro autonomo.
12.    Il pdp del progetto (preso come singolo) offre alla comunità (che è tutti i partecipanti e tutto l'insieme delle cose materiali) il suo sostegno morale, le sue opere, il suo lavoro, le sue idee, sapere, cultura e tutto ciò che nasce dalla sua volontà. In cambio riceve la piena e ampia ospitalità e ogni cosa che in essa è contenuto. I pdp devono condividere e promuoverne i principi e gli obiettivi della PAN.
13.    La comunità vuole dare al pdp: serenità, esperienze, arricchimento spirituale, il vivere bene, la pace con se stesso e il resto del mondo, agio, amicizia, conoscenza e il massimo conforto naturale. Un luogo dove ogni uomo di buona volontà, con sincera aspirazione, possa vivere come cittadino del mondo, un ponte tra il passato e l’avvenire. Un luogo di ricerche materiali e spirituali per scoprirsi interiormente ed esteriormente e lanciarsi arditamente verso realizzazioni future per dare corpo vivente ad una vera umanità.
14.    Ogni singolo pdp deve dare ottimismo e credere a tale progetto e adoperarsi con le sue capacità naturali a sostenerne lo sviluppo la crescita, partecipando attivamente e sentirsi parte integrante di tutto l'insieme. Dove il lavoro non è un mezzo per guadagnarsi da vivere, ma la via verso la perfezione del sé. Il modo di esprimere se stessi e per sviluppare le proprie capacità e potenzialità, rendendo nel contempo servizio, utilità, al insieme del gruppo.

 ESCAPE='HTML'

15.    Lo spirito è vivere in: amore, natura e sana e sincera solidarietà tra tutti gli esseri, senza nessun altro scopo e interesse; tale progetto vuole essere un punto concreto di partenza per poterli diffondere al fine di cambiare positivamente questo mondo. Un posto dove i rapporti fra gli esseri umani, basati solo esclusivamente sulla concorrenza e la lotta, vengono sostituiti con rapporti di emulazione a fare sempre meglio, di collaborazione e di autentica fraternità.
16.    La PAN vuole elevare la cultura del  naturalismo, in quanto, è un valore chiave per sviluppo del rispetto dell'ambiente, dello sviluppo duraturo  e del rispetto dell'altro. Al di la delle vacanze dove una grande comunità si riunisce,  il naturalismo innegabilmente dà senso alla vita. E' una via d'uscita ad un individualismo a volte opprimente, di un quotidiano aggressivo, una società spesso ingiusta .Il naturalismo offre esperienze di vita di libertà e di condivisione. Essere tutto uno con la natura è vivere una vita piena.
17.     Essere soprattutto un centro efficace e dinamico di scambi culturali, pensieri ed opinioni favorendo conoscenze, incontri e dibattiti, conservando il rispetto della massima oggettività, volontà ed assoluta e indiscutibile discrezionalità di ogni socio. Vigile che riesce a guardarsi intorno con amore e rispetto  per la natura, motivata dal suo unico obbiettivo; dare dei risultati pratici e inconfutabili: maggiore consapevolezza della propria coscienza, avere un miglioramento della propria vita relazionale e far nascere in ogni associato l’orgoglio e l’interesse sociale e culturale di farne parte.
18.    Si propone in ricerche, analisi e studi di mercato, sui consumi e creare nuove relazioni di vita e affettive  per potere agire opportunamente con sicurezza e col fine ultimo ed esclusivo di dare risultati positivi e benefici a tutti gli iscritti, nonché la promozione di iniziative di educazione sulla propria sfera psichica e morale. 

 ESCAPE='HTML'

19.    Accogliere eventuali esigenze, suggerimenti e proposte dagli associati, miranti allo sviluppo di azioni che portino benefici nella propria sfera e assicurare ad ogni associato trasparenza per ogni tipo di rapporto.
20.    Stabilire contatti propositivi, convenzioni e accordi con enti, ditte aziende, negozi, centri commerciali, imprese, artigiani, esercenti e operatori commerciali, sia in campo locale che nazionale e internazionale, al fine di ottenere, fattivamente, benefici economici a tutti gli associati e alla stessa associazione.
21.    L’associazione si avvale del sito internet Amore e Natura: http://stanislaoricciardi.altervista.org/progetto-natura.html quale sito ufficiale sella stessa all’uopo di veicolare ogni iniziativa, informazione ed azione sia dell’associazione sia da parte di ogni pdp.
22.    Creare delle attività in seno all’associazione al solo scopo di portare beneficio sociale, culturale e morale a tutti i soci che partecipano attivamente, ognuno con le proprie competenze, e quindi attori principali ed esclusivi con le loro attitudini, qualità e professionalità specifiche a servizio dell’intera comunità. Attività per porre la comunità al servizio della libertà umana, nelle variegate modi di esprimersi, e della sua assoluta grandezza spirituale; la base della nuova coscienza umana con la visione che non è con la ragione che si riesce a varcare i limiti della razionalità, ma dell’intelligenza spirituale.
23.    Creare un gruppo di volontariato pronto ad intervenire in sostegno e solidarietà per chi, per esigenze straordinarie e temporanee ne avesse bisogno.

 

 ESCAPE='HTML'

24.    Creare un fondo economico di solidarietà allo scopo di utilizzarlo per chi per particolari esigenze straordinarie e temporali ne avesse bisogno, sotto forma di prestito speciale.
25.    Ogni pdp è libero di suggerire idee e proposte di servizi di prima necessità e iniziative  di qualsiasi tipo che migliorino l’ospitalità del villaggio. La PAN si propone di essere sempre pronta a evadere tale richieste a beneficio di tutti gli associati.
26.    Tutelare ogni diritto del pdp, rispettando qualsiasi volontà dello stesso. In un luogo di pace, di concordia, di armonia, in cui tutti gli istinti bellicosi dell’uomo vengono sfruttati unicamente per vincere le cause delle sue sofferenze e delle sue miserie, per superare le sue debolezze e le sue ignoranze, per il trionfo dei suoi limiti e delle sue incapacità. Un luogo in cui i bisogni dello spirito e la sete del progresso predominano sul soddisfacimento dei desideri e delle passioni, sulla ricerca dei piaceri  e dei godimenti materiali. In un posto dove i bambini potrebbero crescere e svilupparsi.
27.    Promuovere seminari, incontri mirati e meeting per sviluppare argomenti e temi ritenuti necessari ed importanti da tutti i pdp, e della società umana e tali da approfondire specifici argomenti, metodi  e azioni per il miglioramento della propria vita.

 ESCAPE='HTML'

28.    Essere per ogni pdp un valido e solido supporto tale da garantire la soluzione ottimale alle singole esigenze. Dove sono invitati tutti gli uomini di buona volontà, con una aspirazione sincera, che hanno sete di progresso di una società rivolta all’amore e aspirano a una vita più alta e più vera, obbedendo a una sola autorità, quella del rispetto della natura e di ogni creatura che la vive.
29.    In seno all'associazione si istituisce e si gestisce un mercatino dell’usato tale che ogni pdp e la stessa associazione può offrire in baratto, scambio o a prezzo contenuto, i propri oggetti usati a tutti i pdp. Il fine è quello di  prolungandone la durata d’utilizzo degli oggetti usati, contribuendo così a ridurre lo spreco, l'abbandono e un sano ed  economico riciclaggio delle cose, oggetti a beneficio dell’eco sistema e per sensibilizzare i consumatori ad acquisti e a comportamenti il più possibile compatibili con uno sviluppo sostenibile.  
30.    L’Associazione può altresì svolgere qualsivoglia attività strumentale, sussidiaria e complementare che sia necessaria al raggiungimento delle finalità di cui ai comma precedenti.
La PAN non può svolgere attività diverse da quelle sopra indicate ad eccezione di quelle ad esse direttamente connesse e di quella accessorie per natura a quelle statutarie, in quanto integrative delle stesse. 

 ESCAPE='HTML'