Crea sito
 ESCAPE='HTML'

La locuzione latina Mare nostrum, tradotta letteralmente, significa il nostro mare...il nome romano per il Mar Mediterraneo.
Fu usato originariamente dalla Roma antica per riferirsi al Mar Mediterraneo dopo la conquista della Sicilia, della Sardegna e della Corsica durante le
Guerre romano-puniche, combattute contro Cartagine dal 30 a.C
Il termine, ricorderete, venne nuovamente usato da Benito Mussolini e dalla propaganda fascista.

Mare nostrum un piccolo mare chiuso tra l'Europa, L'Asia e l'Africa con una sola uscita sul oceano atlantico...larga 14 Km.
Il Mediterraneo, il mare sulle cui rive si affacciano popoli diversi, non è un mare che divide le terre che lo circondano, ma che tende ad unirle. 

 ESCAPE='HTML'

Piccolo mare che nasconde tante bellezze e sorprese...dai due mondi...quello sommerso e quello alla luce del sole.
E’ la più diretta via di comunicazione tra mondi lontani...tramite di scambi, conoscenze e contaminazioni tra popoli che, anche se in contrasto, non hanno mai cessato di frequentarsi.

 ESCAPE='HTML'

La Bellezza e l'amore salverà il mondo e il mediterraneo è amore e bellezza...natura per eccellenza e sarà il nostro salvagente...!
Questa sua bellezza come nel passato...può unire le diversità. Il mediterraneo è l'insieme di luoghi ricchi di straordinari patrimoni culturali e ambientali.

 ESCAPE='HTML'

Oggi si parla del Mediterraneo per i terribili drammi umanitari che si stanno verificando ma questo mare è sopratutto sede di uno sviluppo integrato e pacifico che è basato sul dialogo dove  la bellezza riesce a produrre economia, attirando investimenti su territori che hanno in essa una impareggiabile qualità.

 ESCAPE='HTML'

Ciao Mediterraneo...

Mediterraneo tu bianco e azzurro sei come le tue isole che stanno li con i gabbiani le rocce, i vulcani e tu... mare sei il mediterraneo da vedere...con le arance da mangiare, le tue chiese da pregare e con la tua gente da amare.
Il mare giù e la montagna su e in mezzo i pini e ancora sopra il sole.

 ESCAPE='HTML'

Vieni, vieni e dammi la mano,
vieni su...su a vedere giù...
vedi tra i rami degli

ulivi...la tua acqua scura...
ma è blù e le nuvole laggiù, sopra di te, 
che volano con mille forme

per raggiungere l'eternità.
 

 ESCAPE='HTML'

Ancora li guarda quella scia
bianca, silenziosa...
sono le tue acque salate che si aprono 
e fanno scivolare via la sofferenza
dei pescatori che tu allievi, perché di te si nutrono...
vivono...sotto il tuo sole mediterraneo.

 ESCAPE='HTML'

Ora siediti qui e lasciati
andare...lascia che questo profumo,
questo sapore, questa tua aria mediterranea,
sparsi intorno a noi, entrano dentro di te...!
li senti...! Odorali...! assaporali...! respirali...!
sei tutto tu...mediterraneo...!

 ESCAPE='HTML'

Tu Mediterraneo da scoprire...!
Tu Mediterraneo di bellezze...!
Tu Mediterraneo che sai unire ogni diversità...!

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'

E' una sezione del Mar Mediterraneo che si estende a sud est della penisola italiana, compresa tra le coste della Sicilia, della Calabria, della Basilicata (a ovest), della Puglia (a nord), dell'Albania e della Grecia (a est). Lo specchio marittimo, che si apre a meridione verso le coste africane, è collegato dal canale di Otranto al Mar Adriatico, dal canale di Corinto al Mar Egeo e dallo stretto di Messina al Mar Tirreno. 

 ESCAPE='HTML'

Sottoposto in antichità al controllo delle città greche, che fondarono lungo le coste dell'Italia meridionale numerose colonie (Magna Grecia), il Mar Ionio divenne in seguito, come tutto il Mediterraneo, dominio incontrastato dei Romani e fu da questi chiamato Mare Ionicum.

 ESCAPE='HTML'

Solcate da due correnti litoranee provenienti dalle coste orientali, le acque dello Ionio sono caratterizzate da un'elevata profondità - la punta massima si raggiunge al largo di capo Matapàn, nel Peloponneso, dove si superano i 5000 m - e da un alto grado di salinità, tra il 38 e il 38,75 per mille. Presentano temperature superficiali comprese, in inverno, tra i 13 e i 15 °C, e in estate tra i 23 e i 26 °C. Le maree sono generalmente molto basse con altezze massime registrate nei porti di Taranto e Catania di 22 cm. Le coste sono dritte e uniformi lungo il litorale italiano, dove si apre l'ampio golfo di Taranto, alte rocciose e frastagliate lungo l'Albania e la Grecia, davanti alle cui coste si trovano le isole Ionie.

 ESCAPE='HTML'