Crea sito
 ESCAPE='HTML'

Nelle prossime ore sarà sera...una sera di questa incerta e
stellata estate.
Infiniti sguardi accarezzano il cielo ornato
di tanti bottoni dorati accompagnando
tanti cuori innamorati.
La pioggia di meteore illuminerà il cielo...
...tante persone...appena dopo aver avvistato la scia luminosa
manderanno il proprio desiderio.
L'infinito cielo...orgoglioso per le sue stelle lucenti,
immobile, muto per  l'assente luna,
sopra l'acqua del mare...irrequieto e rumoreggiante...
si specchiera nelle onde, che  s'incresperanno di
lunghi sorrisi e dolce risuonerà il loro spumeggiante canto felice.

 ESCAPE='HTML'

Sarà possibile condividere lo spettacolo
delle lacrime di San Lorenzo e nelle spiagge del mondo
s'incontrerà il viver umano in questa notte di festa e stelle
per vivere le gioie più belle.

Dalla notte di San Lorenzo fino a Ferragosto gli esperti
prevedono abbondanti 'piogge luminose', con picchi di una o due stelle cadenti al minuto nelle ore di punta
delle notti da bollino celeste, quelle fra il 12 e il 13 agosto, quando è atteso il flusso massimo di meteore.
Basterà dunque uscire all'aria aperta
per esprimere i propri desideri ad ogni
avvistamento.
Quindi da stasera pensiamo a mettere il naso all’insù...
sopra un speciale soffitto...il cielo dove ci sono
infinite stelle.
Stanotte, notte di San Lorenzo, e quelle che vedremo,
saranno molte...come molti cercheranno il proprio futuro
nel cielo e tenteranno di trovare la stella cadente
che esaudisca il proprio desiderio.

 ESCAPE='HTML'

E se nella antichità l’apparizione di meteore era considerata come un cattivo auspicio – per i greci e i latini quelle

stelle altro non erano se non le lacrime degli dei che piangevano disastri imminenti, mentre per gli astrologi

cinesi presagivano battaglie e guerre – la tradizione popolare cristiana, pur associando quelle stelle alle lacrime

di San Lorenzo, martire per volere dell’imperatore Valeriano, ha voluto introdurre nel corso dei secoli un

elemento positivo. Così, riuscire a vedere una stella cadente nella notte del 10 agosto è il lasciapassare per

sfidare la sorte. L’illusione mista alla speranza di vedere quei pensieri, nati sulla scia luminosa di una stella,

avverarsi un giorno o l’altro.

 ESCAPE='HTML'

Consigli
se proprio il cielo dovesse fare i capricci, riempiendosi di nuvole basta avere con sé una piccola radiolina...

Infatti  è sufficiente sintonizzare la radio su una stazione FM distante, per percepire il passaggio delle stelle cadenti. Il segnale radio normalmente distorto, diventa improvvisamente chiaro dopo essere rimbalzato contro la scia luminosa di gas ionizzato, che la meteora lascia dietro di sé attraversando l’atmosfera terrestre.

La visione sarà, poi, ottimale tra la mezzanotte e le prime ore dell’alba, a patto che lo sguardo sia diretto alle regioni a nord est del cielo.

Occhio attento, dunque, alla costellazione di Perseo. Per gli italiani non sarà un problema trovarla, da qualsiasi regione la si cerchi, infatti, la costellazione di Perseo si troverà facilmente, città illuminate escluse. 

 ESCAPE='HTML'