Crea sito
 ESCAPE='HTML'

Lettera a tutte le donne

 ESCAPE='HTML'

Mia cara...
Mi dispiace non aver parlato con te per tanto tempo, ma avevo perso le coordinate, niente più rotta niente più bussola continuavo a sbattere contro le cose, il mondo...
ero fuori di me pazzo credo.
Non mi era mai successo. 
Prima tu eri la mia stella polare...
Quando c'eri tu ad aspettarmi...
riuscivo sempre a tornare in porto. 

Ascolta adesso tutto quello che è 
qui dentro e credimi se vuoi.


Perdonami mi sono arrabbiato quando me ne sono andato,  
credo fermamente che si è trattato di uno sbaglio e prego Dio...che mi corregga.
Adesso me la cavo un pò meglio il lavoro mi aiuta...più di tutto mi aiuti tu.  Stanotte mi sei apparsa in sogno, 
con quel tuo viso, il tuo sorriso 
che mi ha sempre stregato e asserenato dentro...e cullato come un bambino.

 ESCAPE='HTML'

Tutto quello che mi è rimasto è una grande pace...Con queste sensazioni mi sono svegliato e ho cercato di trattenerli il più lungo possibile.
Ti scrivo per dirti che ho intrapreso il viaggio verso la pace e per quanto mi dispiace per tante cose...
Di non essermi occupato meglio di te, anche per un solo momento...quando eri
infreddolita, stanca, ammalata, preoccupata...
Mi dispiace se non sono riuscito a trovare le parole di quello che provavo...tutte quelle volte che tu volevi tanto sentire. Amore mio, ma come ho fatto a rimanere in silenzio 
davanti a te...come ho fatto...! 
non ti ho mai detto le cose che ho dentro...perdonami. Solo adesso so quello che potrei fare solo 
e soltanto solo con te...dare a te. 

 

Di non aver aggiustato la porta...lo fatto ora
Mi dispiace quelle volte che ho litigato...quanto tempo perso...al nostro amore...
Di non essermi scusato di più ero troppo orgoglioso.
Mi dispiace di non averti fatto i complimenti, e pur li sentivo, per 
quello che indossavi, come ti pettinavi, quando cantavi...
Di non averti trattenuta come voleva il mio cuore; 
che niente al mondo potesse separarci...
Ti amo con tutto il mio amore...

Tu Donna, tu uomo, quando sei coinvolto in taluni circostanze, quelle comuni, le più banali; non prendere posizione solo da uomo, solo da donna. Considera l'altro mondo, prendi coscienza e comportati diversamente, vai incontro al tuo partner. Ricordati che, facilmente si va incontro a malintesi che, quanto proponi e assumi degli atteggiamenti...potrebbero essere giusti per te, ma non per l'altro.
Rieducati, riconosci che, il tuo atteggiamento di oggi proietta nel futuro uno stereotipo, una cultura e un modello di comportamento. Tieni presente che questo influirà sui tuoi figli...sull'intera società.
Se ancora oggi si assiste a fatti drammatici, donne colpite, ammazzata dal proprio partner; la colpa è nostra di tutti noi che produciamo e proiettiamo questa civiltà. Ahimè ancora ieri, 7 Dicembre 2012, dobbiamo registrare a Udine, la morte di una giovane donna di 24 anni, mamma e in stato di gravidanza, ammazzata dal suo compagno.  Sempre per un motivo fondamentale...l'incomprensione...malintesi...l'arroganza di proporre delle soluzioni, di avere degli atteggiamenti che sono solo giusti per sé, ma non per l'altro.   

 ESCAPE='HTML'

Incomprensioni, confusioni di ruoli, diffidenze. E, sullo sfondo, il riemergere di antiche differenze, sviluppatesi in millenni di evoluzione, quando gli uomini cacciavano e le donne gestivano i figli e la caverna. Dopo aver combattuto per decenni per una nuova parità e avere, in nome di questa, negato ogni differenza tra i sessi, uomini e donne stanno oggi scoprendo che se la partita è un obbiettivo giusto, abolire le differenze è invece difficile.
Il confine tra donna e uomo, spesso, è labile. E' giusto che alcune donne facciano i soldati e alcuni uomini le mamme, rimane il fatto che i maschi sono in genere più abili in alcuni compiti e le femmine in altri. Che i due sessi hanno differenti modi di comunicare. E che , non tenerne conto rischia di scatenare ancora una volta la guerra dei sessi.
Abituati a comportarsi diversamente nelle stesse circistanze, donna e uomo vanno facilmente incontro a malintesi quando propongono al partner le soluzioni o gli atteggiamenti che sono quelli giusti per sé , ma non per l'altro.
L'uomo lasciava la caverna per andare a cacciare, a combattere, è quindi un antico guerriero. Per tale ragione conserva valori come la potenza, la competizione, l'efficienza, il raggiungimento di un obbiettivo. Sempre e necessariamente stimolato nel mettersi alla prova e sviluppare e dimostrare il suo potere, la sua abilità. Tutto ciò gli permetteva di far crescere la propria autostima e quindi la supremazia di tutto il regno.
Il raggiungimento dell'obbiettivo rimane ancora importante per l'uomo, insieme al bisogno di farlo da solo, poiché è il modo sicuro per provare competenza, autostima  e stare bene con se stesso.
Nel mondo delle donne che, rimaneva nella caverna, c'era un mondo più raccolto, psicologico, coinvolte nella crescita dei figli , ma sopratutto personale, protese verso lo spirito e tutto ciò che può nutrire la vita. Intuitive, sapendo anticipare i bisogni degli altri; abilità sviluppata nei secoli. Nel mondo femminile offrire aiuto e assistenza a un altro essere, senza che questi ne richiedesse esplicita domanda, faceva e fa parte integrante del loro mondo.

...al prossimo...articolo...

7 Dicembre 2012

 ESCAPE='HTML'

Mille esempi possiamo elencare di uomini celebri; i più celebri della storia. Dalle loro biografie si può riconoscere che, dietro a ognuno di loro, c'è stata sempre una donna. Una donna che ha sempre trasmesso all'uomo i valori fondamentali della vita...Le donne, da sempre giocano un ruolo fondamentale, determinante, nella vita di tutti gli uomini.
Molti uomini, spinti da una donna, sono riusciti a realizzare imprese incredibili. Accettato sfide inimmaginabili, impensabili...in tanti casi addirittura cambiato le sorti dell'uomo. Ultimo esempio di questi giorni il presidente degli Stati Uniti d'America.
L'uomo deve riconoscere l'importanza sociale della donna. La sua natura dà amore, tenerezza, affetto, calore...tutte le attenzioni al suo amato compagno. Con il quale saprà condividere anche le tristezze , le paure, le preoccupazioni, i disaggi. La donna che gli dimostrerà, gli farà capire, anche, quanto ha bisogno di Lui...perché in questo modo riceverà tutto il suo amore.


 

 ESCAPE='HTML'

Ogni Donna, ogni uomo avrà il suo mondo, universo individuale. La donna creerà, ma prima deve sapere amare e per questo deve essere femmina. Se non sarà femmina non diventerà mai donna. Molte donne si considerano donne perché credono di essere sottoposte a certe limitazioni, deboli. Occorre cambiare pensiero, bisogna raggiungere  la consapevolezza di se stesse e comprendere che essere donna è qualcosa di speciale.
Con la consapevolezza di se diventa tutto facile, più semplice. La donna diventa più saggia per la semplice ragione che ha raggiunto la verità; nella sua vita, nelle sue emozioni ci sarà più serenità perché e ormai capace di esprimere il suo amore senza riserve. Riesce finalmente a vivere la sua sessualità senza paure, senza timori. La conoscenza di se stessa le infonde potere: sa decidere con sicurezza, quando è il caso di  dire no o dire si...di dare e di non dare. Solo conoscendo le sue potenzialità una donna si può avvicinare a un uomo e guidarlo, come maestra, sulla strada dell'amore, della verità e del rispetto...e l'uomo sarà il suo discepolo.
Di ciò la donna si deve  rendere consapevole. Deve capire di quanto, per la sua serenità futura, sia importante conoscere a fondo se stessa. Per la donna e cosi per l'uomo e quindi per la loro relazione è  importante conoscere se stessi, le nostre potenzialità i nostri limiti, quanto più si conosceranno, più  ameranno se stessi e potranno condividere il loro amore completamente.
Conoscere se stessi e le diversità che ci sono tra la donna e l'uomo, le stesse che svolgono quella importante funzione; la naturale attrazione. Diversità della Donna  che è bene l'uomo conosca e viceversa ma anche sapere la natura di questa attrazione.
L'istinto dell'uomo è assai diverso. Primeggia il desiderio di fecondare, d'inseminare, di riprodursi. Nella donna quello della conservazione della specie, della maternità, dell'amore. Per fare in modo che questi due istinti si uniscono, la natura ha escogitato un richiamo : l'attrazione sessuale. Grazie a questo meccanismo l'uomo si sente attratto dalla donna e la donna dall'uomo e, in questo modo si uniscono dando luogo alla famiglia.
Presi isolatamente l'uomo  ha tendenza a spostarsi, mentre la donna e, per natura, sedentaria. Elemento questo da tenere ben presente per donna...in quanto può risultare un punto debole. La natura, per fare in modo che una donna riesca a trattenere a sè un uomo l'ha dotata di un potente potere: la sessualità. E' un'esca lanciata dalla natura per garantire la continuità della specie. Una donna ha il potere di attrarre gli uomini e un uomo in particolare, ma come qualsiasi altro strumento di potere, dev'essere conosciuto e compreso in tutta la sua naturale complessità. La sessualità non si riduce semplicemente all'organo sessuale, ma è sopratutto energia che si esprime sotto forma di pensiero, di movimento, di sentimento e di passione.
Il sesso serve per generare e rigenerare, per ricreare e per elevare spiritualmente. Il corpo della donna attrae l'uomo perché racchiude una spirale di energia di natura divina: dentro di lei giace, avvolto su se stesso, un serpente d'energia. Ciò che attrae non è solamente la sua bellezza fisica ma, sopratutto l'energia che si muove dentro la donna.

...Continua...a domani...

 ESCAPE='HTML'

Sovente, quando una donna s'innamora,  si immerge in un mondo di fantasie e di illusioni che le impediscono di pensare e di ragionare, un mondo nel quale l'uomo diventa il suo principe azzurro. In lui nutre profonde speranze e proietta tante e profonde aspettative, fiduciosa e paziente.


E' questo l'amore; un sentimento magico, ma il disincanto è qualcosa di veramente tragico. Sia la donna che l'uomo hanno propositi e scopi che spesso, purtroppo, non coincidono: il loro modo di pensare, il loro modo di vedere il mondo è, di fatto, assai differente. La donna è spesso schiava della passione pur conoscendo una minima parte del suo innamorato, senza capire a fondo chi realmente è.
In tante storie, vi assicuro, andrà a conoscere anche un altro aspetto dell'uomo che si ama: il suo cinismo, la sua sfacciataggine, la sua spietatezza,  la sua incapacità di rispettare e stimare il prossimo.
La sua vita, allora, gli sembrerà non avere più senso e il futuro apparirà più nero che mai.
Gli uomini e le donne pensano in modo diverso e spesso confondono il significato della parola amore. Per gli uomini, la parola amore significa una cosa, mentre per le donne ha un altro significato. Ci sono tanti uomini malvagi che giocano con i sentimenti di una donna e proseguono per la propria strada  senza rimorsi. In questi il loro ego è talmente forte da avere la precedenza su tutto.
L'amore ha un solo significato: è la verità, la legge, la porta che si schiude sull'eternità. L'amore è l'energia che ti conduce verso le piccole cose e le grandi cose, tutto l'universo si muove grazie all'amore...non esiste energia più potente ed è' la donna che la fa brillare.
L'inizio del movimento di quest'energia è una scintilla che muove l'amore attraverso gli ideali che ogni uomo e ogni donna cercano di realizzare o di insegnare a l' altro. Una donna si dona a un uomo  proprio in virtù di quest'ideale, mossa dal bisogno di perpetuare un'unione nella quale si compia la comunicazione di due anime. Sono gli ideali che spingono una donna e un uomo a unirsi, in virtù del loro desiderio di apprendere di capire e di conoscere la natura. Gli ideali sono come le stelle: guidano il viandante nella notte oscura, e lo conducono alla meta.
La donna, l'uomo deve imparare a conoscersi, deve chiedere al proprio cuore: <>, <>, < L'unione fra un uomo e una donna è l'inizio di un viaggio verso la realizzazione di questo ideale. Solo quando l'uomo avra imparato ad amare potra avvicinarsi a Dio. In fondo al cuore l'uomo cerca Dio e, in questo suo percorso , dovra essere guidato dalla donna. La donna per l'uomo sarà: madre, sorella, sposa, compagna, amante...amica. La donna sarà  comunque sempre una maestra per l'uomo...continua

02 Dicembre

 ESCAPE='HTML'

L'amore è la verità, la legge, la porta
che si schiude sull'eternità.
In qualsiasi luogo tu sia ama,
ama sempre.
Solo cosi riuscirai ad avvicinarti
al Divino perché Dio è Amore.
L'amore è l'energia che ti
conduce verso le piccole cose e
le grandi cose, tutto l'universo
si muove grazie all'amore...
non esiste energia più potente.

 ESCAPE='HTML'

In un deserto aspro e roccioso vivevano due eremiti.
Avevano trovato due grotte che si spalancavano vicine,
una di fronte all'altra.
Dopo anni di preghiere e feroci mortificazioni,
uno dei due eremiti era convinto di essere arrivato alla perfezione.
L'altr...o era un uomo altrettanto pio, ma anche buono e indulgente.
Si fermava a conversare con i rari pellegrini, confortava
e ospitava coloro che si erano persi e coloro che fuggivano.
"Tutto tempo sottratto alla meditazione e alla preghiera"
pensava il primo eremita.
Che disapprovava le frequenti, anche se minuscole,
mancanze dell'altro. Per fargli capire in modo visibile
quanto fosse ancora lontano dalla santità, decise
di posare una pietra all'imboccatura della propria grotta
ogni volta che l'altro commetteva una colpa.
Dopo qualche mese davanti alla grotta c'era un muro
di pietre grigio e soffocante. E lui era murato dentro.
Talvolta intorno al cuore costruiamo dei muri,
con le piccole pietre quotidiane dei risentimenti,
le ripicche, i silenzi, le questioni irrisolte, le imbronciature.
Il nostro compito più importante è impedire che si formino
muri intorno al nostro cuore.
E soprattutto cercare di non diventare
"una pietra in più nei muri degli altri".

 

30 Novembre

 ESCAPE='HTML'

comprensione

Non ci sono formule magiche, incantesimi...nuove teorie.
Verità assolutiste ma, tirare dentro di noi i valori e i
sentimenti che in fondo vogliamo esternare...sentiamo.
Proponiamoci semplicemente di vivere con la comprensione sempre
presente che, viva con noi in ogni istante della nostra giornata.
Scambiamo mentalmente i ruoli dell'uno con l'altro, sperimentiamo
di porci, entrare nell'altra/o. Osserviamoci nel nostro parlare, nelle
nostra gesta, nel nostro guardare, mettendoci come osservatori
attenti a cogliere questo nostro modo di fare, di agire...di porci.
Siamo critici nel valutare quello che abbiamo trasmesso...se è veramente
quello che volevamo far capire...se c'è un vizio un inquinamento nella
nostra comunicazione. Creiamo un eco del nostro comportamento e
ascoltiamolo, guardiamolo con attenzione.
Quando registriamo la nostra voce e poi l'ascoltiamo, ci meravigliamo
di quanto sia diversa da quella che sentiamo mentre parliamo...il più
delle volte...non ci piace. Se fosse cosi con i nostri modi di porci...di metterci
in contatto con il mondo esterno a noi...e con la nostra/o compagna/o...?

 

 ESCAPE='HTML'

Proponiamoci un periodo, un percorso di osservazione che ci possa permettere

di conoscerci meglio, che ci possa dare motivi di riflessione, di suggerimenti
pratici al fine di raggiungere dei rapporti pieni e appaganti.
Guardiamoci e osserviamo l'eco di noi stessi con naturalezza e sincerità...
senza strategie, senza nascondere nulla di noi stessi.
Confrontiamoci in questo modo con l'altra/o accettando sempre la diversità
tra il mondo femminile da quello maschile. Diversità che significa solo attrazione,
concerto, e non...meglio o peggio, buono o cattivo, bello o brutto.
Due note diverse che da sole danno un suono una nota...insieme creano
una melodia.
La melodia della vita, del'amore che ha bisogno sia della sua diversità
naturale che di imparare a riconoscere e rispettare l'altra/o; il diverso.
E' in questo percorso di osservazione, di riconoscimento e rispetto della
diversità che si riconosceranno le radici di entrambe le diversità.
Cosi solo in questo modo, tra un procedere con gioco e serietà
che si andrà a scoprire tante cose, prima sconosciute: errori,
superficialità, poca attenzione e altre atteggiamenti sbagliati che
commettiamo nella relazione del rapporto con l'altra/o compagna/o
della nostra vita.

Con questi elementi potremmo comprendere in fondo le motivazioni che risiedono nella diversità, come questa si fraintende, poichè trasmette il nostro mondo...in una lingua diversa.

Comprenderemo che esistono due mondi diversi di amore che
ognuna/o offre all'altro/a...quel mondo di cui ha bisogno...
ma non coincide con l'altra/o.
Con la comprensione capiremo tante altre cose che sin d'ora
non abbiamo colto: la difficoltà della donna nel chiedere aiuto,
come per l'uomo la difficoltà di fare richieste. Di come una
relazione d'amore si evolve; cambia, cresce e si trasforma.
...una avventura alla ricerca delle origini che, non accetta pause,
non si ferma mai...sempre in continuo movimento...come è la natura...
volitiva e creativa.

 

 ESCAPE='HTML'

Pillole per solo Maschi

Checché se ne dica abbiamo tanto
da imparare sulle creature più belle
e misteriose della terra: le donne

Insieme per cambiare il mondo...partecipa
attivamente anche tu, un commento sarà
utili per una società basata sull'amore
e il rispetto dei più deboli.

27 Novembre 2012
Amore e Natura...http://stanislaoricciardi.altervista.org/pagina-1885704.html

Blog http://stanislaoricciardi.altervista.org/blog/

 ESCAPE='HTML'

Il cane e il gatto, ancora una volta ci danno un esempio...in quanto animali.

Più comprensivi degli uomini, più docili e facili ad abbattere le barriere
per allargare i propri confini, meno ragionevoli e più istintivi.
Con l'educazione, con il vivere  insieme da piccoli;
riescono ad abbandonare i vecchi schemi, avendo capito la cosa più essenziale...
il loro benessere.
Hanno dedicato più tempo, più attenzione per conoscersi meglio; evitato inutili
sofferenze e sciocchi stupidi malintesi.
Intuito, più dell'essere umano, come affrontare la loro esistenza...con maggiore
felicità e serenità, traendone solo infinite soddisfazioni.
Da tutto ciò possiamo dedurre che in fondo le relazioni tra il mondo Femminile e

quello Maschile devono seguire la legge dell'amore. Devono nascere da decisioni

coscienti, senza paure, senza obblighi, senza interessi e dogmi formali.
In esse è il dare che supera il voler ricevere...cosi diventano vere, autentiche scelte.
Cosi danno gioia e amore e irradiano sane energie che nutrono,
alla fine, il nostro pianeta.
E' stata e lo sara sempre un mio bisogno primario dare tutto quello che ho
e posso dare.
"Se quello che hai non ti serve, ti abbonda, lo puoi
condividere con gli altri...dallo in prestito, fallo usare, mettilo a disposizione
a quanti non anno...solo cosi servirà, sarà utile...sarà sicuramente...
il tuo maggiore profitto."
Una chiara risposta, questa, per spiegare a quanti mi chiedono, si domandano
sul motivo di queste mie pubblicazioni. E' materia di sentimenti di
" Amore e natura " dello stesso progetto...la necessità, il bisogno di dare,
scambiare naturalmente quello che si ha. Con umiltà uno scambio tra esseri
umani che vivono questa terra. Il dare tutto ciò che si ha e farlo è
questa la vera gioia di possedere una cosa.
L' << Io >> il << mio>> è poco...è arido.
Il << Tuo >> il << Vostro >> è tanto...arricchisce tutti.
La mia esperienza personale, la fortuna di essere molto aperto, disponibile,
e molto discreto mi ha portato a vivere, ascoltare e partecipare a molte
vicende di crisi e conflitti personali. Tutto ciò lo ritengo e lo
riterrò sempre un privilegio...poter collaborare con chi mi ha chiesto,
chiederà un un sostegno. Un confronto, un solo ascoltare con amicizia
e amore le sue esperienze...per un processo di crescita nella relazione
tra Donna-Uomo.

 ESCAPE='HTML'

E con sincero affetto che, a questi amici, ringrazio di quanto mi hanno

dato, insegnato. La vita, il nostro vivere...è queste storie, nelle
esperienze di tutti i giorni e momenti che trascorriamo.
Con le storie vissute, patite...possiamo vedere veramente la
vera "commedia umana" e trarne importanti insegnamenti.
E' questo il vero apprendimento un inestimabile valore umano,
dal quale ho appreso e apprendo tanto, moltissimo per la mia crescita
...ma sopretutto per poter dare con tanto amore a quanti mi chiedono.

Tornando al nostro primario interesse certamente non sarà
una scoperta per tutti noi constatare che in questo momento
...oserei dire...storico, la nostra società non si è mai presentata
cosi divisa.
Alla crisi economica, povertà e recessione si aggiungono e aumentano
anche molti problemi esistenziali...che la vita, il reale ci sbatte in
faccia ogni giorno.
Alla continua lotta quotidiana per mantenere la famiglia il lavoro si
aggiungono i rapporti interpersonali che sono tribolati, confusi e
tumultuosi.
Molti problemi irrisolti che affliggono l'umanità e la propria esistenza
personale; dove anche proseguire una vita spirituale, fondata su un passato,
ci fa sentire inadeguati e pericolosamente lontani dal presente e una visione
del futuro che non ci appare tanto roseo.

Siamo riconosciamolo in un nuovo periodo storico...lo definirei
" L'alba incerta di un restauro della società, della civiltà "
Benessere apparente, stagnazione culturale, vedute parziali,
appiattimento mentale, assenza di stimoli interiori, una
società che inquina e indebolisce la natura, le piante, gli
animali e succhia il sangue dei più poveri.
Una civiltà che non avanza, come necessariamente dovrebbe,
verso una ricerca di un mondo nuovo più armonico e giusto,
in campi importanti per la società:
ecologia, politica, economia e benessere per tutti.
Una società ancora incerta di affermare questa civiltà raggiunta.
Insicura, tentennante, lenta...molto lenta a chiedere e urlare
trasformazioni e revisione dei valori.

Anche i rapporti tra Donna-Uomo, le relazioni di coppia...
non fanno eccezione. Al contrario è in essa che,
come grandine infuocata, cadono tutti gli altri problemi...
Non è certo una questione facile da affrontare...
...L'essere umano non si sente in pace con se stesso...
assume sempre conflitti con se stesso.
...Continua...  

Per i precedenti Articoli Vedi la prima pagina


25 Novembre 2012
Blog http://stanislaoricciardi.altervista.org/blog/  
 

 ESCAPE='HTML'

Nel cuore della donna è riposto il seme dell’amore.
Finché nella sua anima continuerà a brillare la sua luce il mondo sarà salvo. Se questo amore scemerà, allora l’odio e l’indifferenza dilagheranno e finiranno col distruggerlo.

Le continue rivoluzioni, l’avanzamento tecnologico, la continuità in cui si evolvono
tempi con boom economici con altrettanto crisi, trasformazioni cosi veloci di costumi,

abitudini, valori…li abbiamo vissuti li stiamo vivendo con molto stress, dolori e sacrifici

e ci hanno fatto dimenticare le nostre radici. Hanno indebolito tanti sentimenti…ci hanno fatto dimenticare la comprensione tra esseri umani.
Il momento è quindi molto critico, la confusione tanta, bisogna trovare soluzione…

odine. Trovarle non per  la sola reazione dettata dalla paura ma, per un profondo

riconoscimento della nostra vera natura e la necessità, utilità per il nostro quotidiano

vivere in armonia.

 

Sappiamo leggiamo, ascoltiamo tante teorie, dottrine che circolano nel web o nelle librerie. Tante ma, in fondo nel nostro cuore è necessario, risvegliare, un sentimento…umile e semplice…la comprensione. C’è povertà di comprensione nel cuore. Distratti da mille problemi, presi da essi nella pienezza della giornata, dal  nostro ego che ci pone sempre distanti dal capire…l’altrui diverso e ci vuole sempre detentori della verità, della ragione…dimentichiamo di vedere, sentire e riconoscere la voce del nostro cuore. Comprendere il cuore degli altri.

La comprensione è una capacità che dobbiamo ancora sviluppare come esseri umani, soprattutto quando questa si deve attivare, nella sua pienezza, nei rapporti tra i due esseri…quello femminile e quello maschile. L’assenza di questa ci fa allontanare sempre di più…sempre più distanti.

Guardiamoci dentro, vediamoci, ricordiamo i nostri scontri, dialoghi…nelle banalità dei nostri giudizi nelle nostre imparziali critiche: rivendicazioni, rammarichi, il nostro modo di porgerci,  di sprizzare rabbia, indifferenza e condannando il fare e modo dell’altra/o. In verità è tutto dolore…è una reazione  al dolore che proviamo per l’incapacità a sentirci…comprendere l’altra/o…il diverso che sappiamo ci può completare.

E’ una nostra incapacità; la poca attenzione, l’incomprensione…ci siamo dimenticati della nostra origine, delle nostre radici. Del senso, del vero significato della nostra diversa natura di Donna, di Uomo.

Riflettiamo e teniamo sempre in mente che, avrà una ragione, un senso il perché l’universo, Dio ci ha creati entrambi. Partiamo da qui, riconoscendo che solo  insieme possiamo completarci. Insieme ci è possibile riempire tutti i nostri spazi vuoti, quello che ci mancherà sempre se rimaniamo soli, quello che ci farà vivere in armonia.
Uniti possiamo rigenerare un mondo migliore…fondato sul’amore…quel’amore che in fondo ci unisce ed è il principio di tutto.

Per il successivo articolo vedi qui di seguito il Link